Lun – Ven 9:30 - 13:00 | 14:00 - 18:00
Sab 9:30 - 13:00

Penisola indocinese

La Penisola Indocinese ovvero l’Indocina di coloniale memoria e’ un viaggio alla portata di tutti i motociclisti anche con passeggero al seguito , alcune tappe potranno essere lunghe ma i panorami e le visite che il viaggio permette di ammirare e di effettuare valgono ampiamente lo sforzo che alcuni giorni è richiesto dalle molte ore in moto, la condizione delle strade è quasi sempre ottima tranne un paio di tappe dove alcuni lavori sono in corso per il miglioramento e prima delle quali prenderemo informazioni per regolare i tempi di percorrenza, grazie alla collaborazione di un ottimo corrispondente vietnamita alcune visite sono rese più suggestive da inaspettati spettacoli e serate al di fuori dei soliti giri turistici. La Penisola Indocinese e’  sicuramente un viaggio nuovo, con molto da scoprire sia culturalmente che etnograficamente e turisticamente, paesi come la Tailandia e Vietnam praticamente, Terzo Mondo fino a 20 anni fa, oggi fanno la parte del leone nella nuova mappa dei paesi in via di sviluppo, Laos e Cambogia ancora arretrati ma proprio per questo affascinanti e indimenticabili per la gente e la semplicita’ delle gente. Aghor Wat resta uno dei luoghi magici al mondo come pure Luang Prabang antica capitale, entrambi siti UNESCO. Abbiamo ad oggi la conferma che possiamo entrare in tutti paesi con le nostre moto che verranno importate e riesportate dal Vietnam a cura di un’agenzia locale che ci sta seguendo nell’organizzazione. Alcune tappe sono  lunghe a causa della mancanza di strutture valide per pernottare.

Itinerario

Giorno 1 – arrivo a Saigon e relax

Giorno 2/3 – Ritiro moto e visita
Dopo il ritiro dell moto in dogana, visita a Cu Chi underground tunnels, i famosi tunnel scavati dai Vietcong per sfuggire alle incursioni americane, nel pomeriggio visita alla cattedrale, al vecchio ufficio postale, al Ben Thanh market, museo della guerra. cena e pernottamento a Saigon.

Giorno 4 – Saigon – Phnom Penh – 224 km
Lasciamo l’intenso traffico di Saigon per raggiungere il confine con la Cambogia e raggiungere Phnom Penh la capitale che sorge sul fiume Mekong dove abbiamo previsto il pernottamento. Si percorrono circa 50 km di autostrada che insieme al traffico della capitale incominciano a dare un’immagine di questo strano paese in pieno sviluppo, il traffico, specialmente quello dei milioni di motorini in citta’, è sicuramente un fatto molto suggestivo specialmente per chi ha deciso di fare un viaggio in motocicletta e deve gestire questa situazione semplicemente adeguandosi e seguendo il flusso !

Giorno 5 – Phnom Penh – Siem Rap – 320 km
Tranquilla tappa lungo le strade cambogiane che ci fa scorire un paese piacevole fatto di gente sorridente nonostante la poverta’, Siem Reap e’ la base di partenza per le escursioni ad uno dei luoghi piu’ importanti e affscinanti la mondo: Anghor Wat !

Giorno 6 – Visita ad Anghor Vat
È difficile spiegare la dimensione di questo sito archeologico che va al di là di un normale tempio ma copre un’area vasta molti kilometri quadrati, organizzeremo una visita in mattinata per lasciare quindi il pomeriggio libero per chi volesse tornare ai templi o semplicemente rilassarsi al bordo della piscina, cena e pernottamento.

Giorno 7 – Siem Rap – Ayuttaya – km 600
Un’altra lunga giornata ci attende soprattutto per l’attraversamento della frontiera che potrebbe prendere anche qualche ora, le strade sono in buone condizioni in zone abbastanza pianeggianti, arrivo in serata ad Ayuttaia antica capitale del Siam.

Giorno 8 – visita Ayuttaia
La città è l’antica capitale del Siam, quattrocento anni di storia con circa 33 governanti che si sono succeduti utilizzando questa città come loro capitale, al tempo era considerata una delle città più sviluppate dell’Asia ma dopo anni di guerre tra Birmania e Thailandia la città venne distrutta. Oggi molti complessi archeologici che si trovano nei pressi testimoniano lo splendore di un tempo.

Giorno 9 – Ayuttaya – Phisanulok – km 350
Altra piacevole tappa con, all’arrivo a Phisanulok, la visita al tempio di Phra Sri Rat Ta Na Ma Ha That Temple (Wat Yai) nome impronunciabile ma interessante.

Giorno 10 – Phisanulok – Chieng Rai – km 400
Ci dirigiamo a Phra That Lampang Luang per la visita al tempio e pranzo quindi raggiungiamo Chieng Rai per cena e pernottamento

Giorno 11 – Visita a Chieng Rai
In questa zona c’è una minoranza di popolazioni con i colli allungati artificialmente con gli anelli posti gli uni sopra gli altri, la maggioranza di questa popolazione si trova in Birmania ma anche in Thailandia una parte è rimasta, vecchie e nuove pagoda faranno da contorno alla giornata di visita.

giorno 12 – Chieng Ray – Luang Prabang – km 600
Questa è sicuramente una delle giornate più interessanti viaggiando nel Triangolo d’oro, le frontiere di tre Stati: Laos e Thailandia e Birmania si fondono in un unico punto, la condizione delle strade oggi può non essere perfetta specialmente se ci fosse pioggia, naturalmente non tutta la tappa è in cattive condizioni ma non avendo la situazione completamente sotto controllo prevediamo una partenza presto al mattino, ci informeremo prima della partenza sulle reali condizioni della strada. Tutto il percorso si snoda tra strade di montagna, passi, foreste e villaggi di tribù di montagna, sicuramente sarà una giornata indimenticabile.

Giorno 13 – Visita a Luang Prabang
La giornata di visita a Luang Prabang si articola con una prima visita alla vicina pagoda di Wat Mai dove i monaci usano andare in pellegrinaggio con le loro tipiche tuniche gialle ricevendo offerte dai pellegrini che in questa zona sono particolarmente numerosi, procediamo quindi con una gita in barca sul Mekong per continuare con la visita al museo nazionale il vecchio Palazzo Reale quindi,dopo cena, il mercato notturno.

Giorno 14/15 – Luang Prabang – Sa Pa ( Vietnam) – km 670 in 2 gg
Nuova tappa in via di messa a punto, aggiornamenti a breve

Giorno 16 – Visita a Sapa
Sapa e’ al confine con la Cina immersa in montagne verdi ricche di coltivazioni a terrazze.
luogo affascinante che ci fa conoscere le tribu’ di montagna e un Vietnam lontano dal caos di Hanoi e Saigon.

Giorno 17 – Sapa – Halong Bay – km 490
Lunga tappa che ci riporta nelle “civilta” ma soprattutto su un mare affscinante nell baia di Halong Bay per un’avventura in barca !

Giorno 18 – Giornata ad Halong Bay
Escursione in barca e visite

Giorno 19/20 – Halong – Hue – km 750 in 2 gg
Nuova tappa in via di messa a punto, aggiornamenti a breve.

Giorno 21 – Visita e imbarco delle moto
Hue’ è una città nel Vietnam centrale che fu la capitale del regno di Trong dal 1738 al 1775 e della dinastia Nguyen dal 1802 al 1945. Una delle maggiori attrazioni è la sua cittadella del XIX secolo, circondata da un fossato e da spessi muri di pietra, che comprende la città imperiale, con palazzi e santuari, la Città Proibita della porpora, una volta sede dell’imperatore, e una replica del Teatro Reale. La città e’ stata il campo di battaglia di una delle più lunghe e sanguinose battaglie della guerra del Vietnam.

Giorno 22 – visita e partenza da Hue per Saigon
Il viaggio si conclude con un volo che ci porta a Saigon in coincidenza con volo di rientro in Italia.

Mappa

Date e Costi

Date di svolgimento: dal 27 dicembre al 17 gennaio 2020

Quota a persona con un minimo di 12 partecipanti:
Euro 3.950 ( cifra da confermare)

Comprende:

Il transfer dall’aeroporto all’hotel a Saigon
Gli hotels in camera doppia 3/4/5 stelle con tutte le cene e le colazioni
Il furgone assistenza
Le guide locali parlanti inglese per tutto l’itinerario
La guida italiana in moto
Permesso dell’Ufficio del primo Ministro per l’importazione delle moto in Vietnam e Cambogia
Le visite guidate con guide locali di lingua inglese per le visite da programma, praticamente tutte
Il transfer in bus da Hue’ all’aeroporto .

Non comprende:
i visti per Cambogia e Vietnam da farsi in frontiera ( 30 USD per paese per persona)
i pranzi
il carburante
tutto quanto non specificato

Quota supplemento singola: Euro 950

Quota volo con Singapore Airlines: euro 1.300 indicativa da riconfermare alla prenotazione
Quota trasporto moto: Euro 2.200 sulla base di almeno 6 moto in un contenitore da 20 piedi

La moto sara’ da consegnare presso di noi alla meta’ di ottobre e ritirata a Saigon in dogana prima della partenza

Prenotazione e Informazioni

Tel. +39 02 2720 1556
Fax. +39 02 2720 1140

Ore di Servizio
Lunedi a Venerdì: 09:00 - 18:00
Sabato: 09:00 - 13:00
Sabato pomeriggio e Domenica chiusa.

Ritiro e consegna solo su prenotazione.

Modulo di Prenotazione